((( ToscanaInConcerto_Cinema )))

mail us

Home

Mený Cinema

- Hero - di Zhang Yimou 2002 -

cine

Cina, circa 2000 anni fa, sette regni si combattono continuamente tra loro; un eroe, Senzanome, uccide tutti i cospiratori contrari al re di Qin, e per questo viene ricevuto dal re in persona; ma le sue intenzioni sono opposte, e i suoi presunti rivali non sono morti.
Arriva sui nostri schermi con due anni di ritardo (nel gennaio 2005 uscirà il nuovo "la foresta dei pugnali che volano") questo film di Zhang Yimou che ha deciso di dare una virata nella sua filmografia, e di esplorare il genere wuxia omaggiandolo; lo fa con un cast orientale di prim'ordine, un budget alto, una storia classica dove però ci mette del suo (sinceramente, conoscendo la sua filmografia, come avrebbe potuto non farlo?).
Il film risulta, ad onor del vero, pesante in alcuni momenti (e, sempre ad onor del vero, questi spadaccini orientali che volano hanno un po' rotto i coglioni, mi si passi il francesismo), ma, anche per chi non è un appassionato del genere, ha dalla sua una eleganza formale elevatissima, il che lo rende un piacere per gli occhi quasi ad ogni scena; eleganza che è evidente nei costumi, nelle scelte cromatiche, ma persino nella maniera nella quale "cadono" i drappeggi dei vestiti, il tutto è di altissima qualità visiva; l'abuso del ralenti, invece, stucca alquanto.
Il messaggio pacifista, che arriva quasi a sopresa nella seconda parte del film, segna un altro punto a favore del regista; tra l'altro, si vede pochissimo sangue in questo "Hero".
In definitiva, un wuxia atipico per gli appassionati, una prova sperimentale per un grande regista, un film di non facile fruizione per il grande pubblico, nonostante tutto il battage pubblicitario scatenatogli attorno (quando, fino al film precedente, per vedere un film di Zhang Yimou bisognava cercarsi delle sale d'essai).
Una favola orientale girata come un grande esercizio di stile.

di: Ale